Un’estate a colori, anche a tavola


Giugno, luglio, agosto sono mesi che danno il via ad un’esplosione di colori tra le verdure e soprattutto nella frutta estiva: troviamo infatti albicocche, angurie, ciliegie e amarene (solo a luglio), fichi, fragole, lamponi, limoni, mele (da agosto), mirtilli, more, meloni, nespole, pere, pesche, prugne susine, ribes, uva (da agosto). Aglio, asparagi (e qui in Liguria il violetto!), basilico per la base del nostro amato pesto, bietole, carote, ancora qualche carciofo, cetrioli, cicorie, cipolle, fagiolini, fave, melanzane, patate novelle, peperoni, piselli, pomodori, radicchio, ravanelli, rucola, sedano, spinaci, taccole, valerianella zucche (da agosto), zucchine. Ovvio, quindi, essere grandi sostenitori della frutta e verdura di stagione e a Km zero, soprattutto perché questo ci aiuta a riconnetterci con i ritmi della natura e a prediligere prodotti locali. Questo significa un minor impatto ambientale, principalmente a livello di trasporti, e anche e soprattutto ci permette di intrattenere maggiori relazioni con i produttori locali. Il sostenerci a vicenda ci permette di andare avanti e valorizzare i nostri prodotti. Oltre che far bene all’ambiente, il fatto di consumare frutta e verdura di stagione e il più possibile colorata apporta innumerevoli benefici al nostro corpo e alla nostra mente. È ormai risaputo come consumare almeno cinque porzioni al giorno di frutta e verdura faccia bene, migliori il transito intestinale, la performance sportiva, la tonicità della pelle, ripulisca dalle scorie, e doni buonumore. Gli alimenti vegetali aiutano a sostenere il nostro corpo in periodi di stress e donano positività e allegria attraverso diversi meccanismi, che vanno dal contenuto vitaminico all’effetto benefico sul nostro microbiota intestinale. Meno attenzione, invece, viene posta sulla variazione dei colori dei vegetali che scegliamo. Studi scientifici sull’appetito e il colore infatti dimostrano che questo incida positivamente sul peso forma. Ogni colore infatti deriva da un contenuto di vitamine e micronutrienti diversi che sono tutti fondamentali per il metabolismo. Ad esempio, il giallo corrisponde al beta carotene utile per la vista; il rosso del pomodoro è licopene, un potente antiossidante; il blu del mirtillo è dovuto agli antociani che aiutano la circolazione; il verde corrisponde ad acido folico e magnesio, enzimi e minerali che aiutano il nostro organismo a funzionare in maniera più efficace. È stato anche sperimentato come la cromoterapia riconosca al colore rosa delle fragole, lamponi, ribes, pomodori, numerose proprietà tra cui quella di favorire il dimagrimento, perché stempera le tensioni che si trasformano quando si ha fame, aiuta a mangiare e masticare più lentamente e ridurre l’acidità gastrica. Inoltre, la scelta di colori diversi ci spinge ad uscire dalla trappola della monotonia alimentare e ci permette di assicurarci tutti i nutrienti di cui davvero abbiamo bisogno, senza dover ricorrere ad inutili integrazioni. Non resta che iniziare a colorare il carrello della spesa.

Leslye Pario Biologo Nutrizionista

error0
fb-share-icon0