Giovanni Toti for President Number 2: “Squadra che vince, perché cambiare?”

Inizia la campagna elettorale per le Regionali.

Di Ilio Masprone


GENOVA. Il nostro giornale di norma tratta solo ció che ruota attorno alla voce turismo e all’economia che essa esprime. Non si occupa d’altro, fatto salvo, senza entrare troppo nel merito, le Campagne Elettorali che ci riguardano da vicino. Affrontiamo volentieri quella in corso per le elezioni regionali, perché ci sta a cuore la rinascita della Liguria dopo la pandemia, ed in particolare la ripresa del Ponente. Entrando un pochino nel merito, a settembre (così pare) si andrà al voto e tutti i partiti sono al lavoro per proporre ognuno un candidato e la propria squadra. Volendo occuparci di quella attuale è innegabile che abbia lavorato bene, per cui si suppone che possa essere riconfermata anche per un secondo mandato. Certo, qualche avvicendamento sarà possibile, resta il fatto che nessuno – in ogni caso – andrebbe a casa a mani vuote.

I settori a noi più cari, il Turismo, la Cultura e l’Economia, hanno lavorato sodo e in totale armonia, e l’Assessore Gianni Berrino ha fatto un percorso molto positivo. Certo poi dovrà, come tutti gli altri, saper promuovere gli obbiettivi raggiunti e soprattutto guadagnarsi i voti sul campo, se vuole, se vogliono farcela ancora una volta. Quanto al Presidente Giovanni Toti, vorrei aggiungere solo qualche nota personale. Oltre al fatto di aver raggiunto grandi successi politici e amministrativi importanti, vedi la ricostruzione del Ponte Morandi e come ha affrontato la pandemia di Covid19, è una persona davvero gradevole e sempre disponibile con tutti, però non interrompetelo quando parla perché – in automatico – il suo tono è perfettamente in grado di coprire qualsiasi altra tonalità vocale. Comunque una campagna interessante: lo slogan da noi coniato “Toti for President number 2” è più che mai appropriato (nella foto Giovanni Toti e la sua Signora Siria Magri, giornalista Mediaset: dietro un grande uomo c’è sempre una grande Donna).

Lascia un commento