PERSI I TURISTI, “A NATALE, COMPRATE SOTTO CASA ALMENO VOI” L’APPELLO DEI COMMERCIANTI AI RESIDENTI.

Chi li ha visti? I clienti non ci sono più. L’appello dei commercianti ai residenti (diventati impresari a casa loro) di boicottare le grandi catene straniere e comprare sotto casa è rispedito al mittente. Il fenomeno è più complesso di uno slogan. Le risposte che non ti aspetti dalla cittadinanza.

di Tiziana Pavone

La campagna di sensibilizzazione partita da una certa area politica, la quale invita esplicitamente a non comprare su Amazon, ha il suo seguito anche a livello locale. Ma la bandiera, da noi, la tiene alta anche la Confcommercio della Provincia di Imperia; in rappresentanza di tutti i commercianti. Vedere per credere.

L’appello è a voci unificate su profili social di commercianti e loro commercialisti. Invitano la popolazione a comprare nei negozi della propria città: cosa che non sarebbe difficile realizzare, visto che, in codice arancione come siamo messi, impera l’obbligo di non uscire dal proprio Comune. C’è, più forte che mai, il Covid19.

Peccato solo che la richiesta sia sbagliata. Bisognerebbe chiedersi come ridisegnare l’offerta e la tenuta sociale delle città. Invece vogliamo spicci.

In epoca di Black Friday e offerte lampo al ribasso, questa operazione di marketing con tanto di slogan non risulta di facile riuscita. Le persone si sentono più sicure a casa e, se possono, comprano on line. In un posto, cioè, che non ha confini geografici, se non nelle mappe di Google. In un luogo aperto a tutti, che, ancora nel 2020, se è rimasto per lo più in mano al mercato delle grandi catene multinazionali, é dovuto al demerito di chi é stato a guardare. Dobbiamo dare i numeri o dirci bugie?

Il fatto é che i piccoli imprenditori non si sono mai avvicinati all’idea di costruirsi una identità digitale, la reputazione storica per vendere online. E qui, un mea culpa ci sta tutto. Sappiamo quanto sia importante fidelizzare clienti abituali, sul territorio. Ma non sappiamo quanto potenziale c’è nell’adattarsi alle nuove regole del commercio via web.

continua a leggere a pagina 2