Festival, che fine faranno i Giovani e Sanremo con il suo concorso scaduto?

Di Illy Masper


SANREMO. Abbandoniamo per un momento l’ossessiva questione di questo maledetto coronavirus per cominciare a parlare d’altre cose, meno preoccupanti e un po’ più frivole. Nei giorni scorsi abbiamo toccato l’argomento Festival di Sanremo con i suoi conduttori Amadeus, Fiorello e Laura Pausini o Gianna Nannini piuttosto che Giorgia, oggi accenniamo ad un secondo punto, importante e sempre legato al sanremone di Ama: i Giovani, categoria un po’ sopportata dalla Rai che ogni anno si inventa nuove soluzioni, senza aver trovato ancora quella giusta e continuativa. Ci hanno provato altri prima di Amadeus, Baglioni, Carlo Conti e la stessa città dei fiori con il suo concorso, quell’ex Area Sanremo affidato negli anni alla mediocrità di direzioni artistiche ed altro.

Una categoria, quella dei Giovani Talenti, con poche speranze e in cerca di illusioni, richiamata a Sanremo da quel fragore musicale che comunque non smette di coinvolgere ogni anno centinaia di ragazzi, ragazze e gruppi, che arrivano a Sanremo per incontrare un incerto destino artistico. Non volendo pensare che al loro arrivo in questa città, i giochi sovente sono già fatti. Probabilmente quest’anno sarà molto diverso, infatti non è detto che, causa Covid 19, tutto non possa essere annullato perché la Rai non farà in tempo ad organizzare l’evento a loro dedicato. Stesso problema lo avrà Sanremo con il suo concorso scaduto nei termini, e non ancora rimesso in piedi.

Per la TV di Stato sarebbe semplice: delega alle Case Discografiche e il gioco è fatto. Infatti sono in grado di portare tutti i Giovani necessari alla manifestazione — che poi sono sempre e solo otto. Diverso per la città dei fiori e della musica che, per la stessa motivazione coronavirus, rischia di rimanere senza concorso decidendo, magari, di rinviarlo direttamente all’anno prossimo, così da avere il tempo necessario per rinnovare sia la formula, sia il nome che la gestione artistica in modo particolare al fine di affidarla ad esperti, nel vero senso del termine. Chi conduce il questo nuovo giochino avrà questa forza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *