Rinviati al 2021 i grandi eventi, anche nel Ponente Ligure?

Il Sindaco di Alassio Angelo Galtieri: il sacrificio è grande ma alla fine ce la faremo.


Di Ilaria Salerno


RIVIERA di PONENTE. Il titolo esprime bene l’ipotesi molto probabile che sta nascendo in queste ultime settimane nelle amministrazioni pubbliche, ma che interessa anche gli organizzatori privati di eventi e manifestazioni, tutti preoccupati per la situazione socio-sanitaria che persiste, nonostante da tempo si assista al calo dei contagi da coronavirus. Uno stravolgimento anche per le piccole e grandi Fiere artigianali estive che servono solitamente anche a vivacizzare il territorio: mare e montagne all’interno della nostra bella Liguria vengono solitamente inondate di vita.

I rinvii al 2021 stanno interessando enti Pubblici e Privati: per i grandi eventi, anche internazionali, alcuni organizzatori stanno considerando che il resto di questo 2020 possa essere un anno sabbatico, dal quale prendere le distanze per cominciare, fin d’ora, ad investire sul prossimo anno. Anche in considerazione del fatto che, molto probabilmente, l’estate prossima potrebbe essere seriamente compromessa per la scarsità di turisti, sia stranieri, che non ci saranno, ma anche ditaliani, soprattutto anziani, che potrebbero non aver tanta voglia di spostarsi da casa propria.

Quindi anche il nostro Ponente Ligure dovrebbe sperare soltanto sul turista del Nord e sulle seconde case di lombardi e piemontesi, sempre che indossare mascherine e guanti non sia più obbligatorio. Altrimenti ci vedremo in spiaggia con la bocca e il naso nascosti e con guanti di gomma calzati e sudatissimi? I Comuni tuttavia, se non potranno dare il via alle proprie manifestazioni previste, si accontenteranno di coordinare, comunque, anche solo piccoli momenti di intrattenimento sportivi, culturali, musicali, al fine di accontentare nel limite del possibile i turisti e la stessa popolazione, che non vede l’ora di scendere al mare o salire sulle nostre montagna.

Ma sarebbe anche importante per l’economia locale che deve riprendere fiato e non perdere le speranze: “Il sacrificio di stare chiusi in casa è grande, ma dobbiamo resistere” dice un po’ sconfortato Angelo Galtieri, vice Sindaco di Alassio, la città delle palme e dell’ex Miss Muretto che potrebbe ritornare nel 2021? (Nella foto Galtieri durante una delle tante interviste durante questo Covid 19).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *